Close Search Panel

Select your location

Cookies must be enabled to memorize your choice.

MACRO

Overview del progetto

Luceplan mette in luce il lavoro di ricerca dello studio ODBC (Odile Decq - Benoît Cornette) per il progetto di ampliamento del MACRO - Museo d'Arte contemporanea di Roma - con lo sviluppo di due apparecchi di illuminazione creati appositamente per i nuovi spazi espositivi. Javelot e Ma lampe rappresentano la prima collaborazione tra Luceplan e l'architetto francese Odile Decq celebre per la sede della Banque Populaire de L'Ouest e d'Armorique realizzata in collaborazione con Peter Rice. Javelot è una lampada concepita per tradurre coerentemente le intenzioni della progettista nella sua ricerca di equilibrio dinamico degli spazi e delle strutture. Realizzata in tre declinazioni - sospensione singola, sospensione e terra per esterni con tre corpi illuminanti –arreda le sale del ristorante, la terrazza sul tetto-giardino e le due sale didattiche del museo. Javelot è composta da un corpo in alluminio e due estremità coniche di metacrilato satinato che irradiano una luce di grande impatto scenografico attraverso due LED di temperatura colore 3.000° K e un consumo di circa 7W ciascuno. L’effetto ottenuto è quello di una serie di “giavellotti” di luce che attraversa lo spazio in modo inatteso grazie al giunto asimmetrico della struttura e ai rami di differente lunghezza che consentono di regolare il posizionamento dei corpi illuminanti. Sospesi alla struttura della copertura del ristorante o installati con un sostegno a terra sulla terrazza, completano e rendono più magica l’illuminazione generale del museo. Ma lampe è un punto luce specificamente ideato per illuminare una serie di poltrone e di tavoli prodotti da Poltrona Frau e disegnati dall’architetto Decq. L’apparecchio, costituito da un’astina in metacrilato illuminata da un LED 1W, è inserito orizzontalmente nello schienale delle sedute della sala didattica o incluso nei tavoli del ristorante, dell’Art Cafè, dell’Art Video e della biglietteria. La lampada è priva di fili perché alimentata da un dispositivo ricaricabile. L’astina si illumina automaticamente quando dalla posizione orizzontale di riposo viene ruotata verticalmente. Ma lampe è un segno di luce minimale che punteggia gli spazi in modo discreto e funzionale.

Informazioni sul progetto

Località

Roma

Cliente

MACRO

Designer

ODBC Studio

Prodotto utilizzato

Javelot MacroJavelot Macro